Mission

Logo-bn@-copia_r1_c1
 
 

Wadi Adrar MissionLa Wadi Adrar Fondazione O.N.L.U.S. è stata creata da cittadini comuni allo scopo di poter raccogliere e gestire i fondi necessari allo studio, alla preservazione ed alla promozione  dei localismi, della storia, del patrimonio culturale ed ambientale,  e delle interazioni dell’uomo con l’ambiente nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con speciale attenzione ai paesi del maghreb. In particolare, la Fondazione sta concentrando i propri sforzi sul Jebel Nafusah libico poichè esso rappresenta un vero e proprio sistema in cui l’interazione tra uomo e l’ambiente del deserto roccioso si è perfezionato e consolidato nei millenni e del quale rimangono significative tracce ancora oggi. La sopravvivenza di tracce diffuse della antica civiltà libica Nafusi è stata resa possibile soprattutto dall’attaccamento delle genti del Jebel alle proprie tradizioni, ma anche dal relativo isolamento in cui il Paese è stato relegato per decenni e che ha evitato lo sviluppo di un turismo di massa consumistico e poco rispettoso, che è tuttora reso disagevole dalle severe misure protezionistiche messe in atto dal Governo Libico.  Il Jebel Nafusah Libico rappresenta un esempio raro di un antico patrimonio culturale, paesaggistico ed antropologico giunto ancora riconoscibile ai giorni nostri, che merita di essere conosciuto più a fondo, difeso, e valorizzato. Le fonti dalle quali trarre informazioni sulla civiltà Nafusi sono rappresentate essenzialmente dalla tradizione orale, ma soprattutto dai manufatti architettonici e dagli ecofatti risultanti dalle interazioni uomo-ambiente. Entrambi i tipi di bene rischiano, più della tradizione orale, l’oblio che porterebbe alla irrimediabile perdita delle prove di una civiltà che testimonia un millenario equilibrio adattativo tra uomo ed ambiente in condizioni di vita estreme come quelle del deserto roccioso del Jebel Nafusah libico. La Fondazione si propone di studiare, conservare e divulgare i valori espressi da questo sistema avvalendosi non solo del metodo scientifico, ma anche e soprattutto favorendo e promuovendo un tipo di turismo responsabile  e sostenibile destinato alle persone disposte ad apprezzare, condividendoli con la popolazione locale, gli antichi valori di una umanità forgiata dall’ambiente ostile. Contestualmente la Fondazione mira a proporre al Governo Libico un progetto di inserimento del Jebel Nafusah libico nella lista dei luoghi di interesse comune per l’Umanità redatta dall’UNESCO.