Alla Sun il Ministro della Cultura e della Società Civile della Libia.

Ministry of Culture ID
 
 

26.09.2013

In occasione del Centenario delle Missioni Archeologiche Italiane in Libia (1913-2013), si è svolto mercoledì 25 settembre, alle ore 15,30, nella Sala Conferenze del Rettorato in via Costantinopoli 104, l’incontro su “La Missione a Cirene della SUN e prospettive future di scambio bilaterale tra Istituzioni di Soprintendenza e Dipartimenti Universitari”.

Seminario Napoli Min, Al Amin.1

Dopo i saluti di Francesco Rossi, Rettore SUN, sono intervenuti Al Habib Mohamed Al Amin, Ministro della Cultura e della Società Civile della Libia e Fathi Nasib Ballo, Direttore dell’Ufficio Relazioni Internazionali Ministero della Cultura, Manuela Ruosi, Direttore Ufficio VI – DGSP Ministero Affari Esteri, Rosanna Cioffi, Direttore del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali, Gianmaria Piccinelli, Direttore del Dipartimento di Studi Politici “Jean Monnet”.

Rollei

Fulcro della serata, la Prof.ssa Serenella Ensoli, docente della SUN e Direttore della Missione Archeologica dell’Ateneo che ha organizzato l’intera giornata ha tenuto una relazione dal titolo “Dagli scavi di Cirene al “Tesoro di Bengasi”: corsi di formazione e ricerche di archivio”. Nella relazione la Professoressa ha illustrato le numerose missioni compiute a Cirene, e sopratutto l’ultima svolta subito dopo il furto del preziosissimo Tesoro di Cirene, sfidando lo stato di guerra civile allora ancora in corso. Durante la missione, insieme alla propria Equipe di ricercatori ha realizzato che non era disponibile un archivio fotografico strutturato e completo dei numerosissimi reperti in oro ed argento che erano stati derubati. Nel corso della ricerca del materiale grafico accatastato nei magazzini ha anche riportato alla luce due casse delle quali si era persa la memoria a seguito di frequenti spostamenti in Italia ed in Europa dapprima durante la seconda guerra mondiale ed in seguito per essere esposto  in numerose mostre.  Nelle casse è stato rinvenuto materiale redatto dagli Italiani nel secolo scorso, e sufficiente a ricostruire gran parte della documentazione della collezione, che sarà utilizzata dalle forze di polizia internazionali per intercettare l’eventuale comparsa di parti del tesoro nel giro internazionale del traffico illegale.

Seminario Napoli Min. Al Amin